ULTIME SULLA VICENDA EIDO


L’annosa controversia tra il Comune di Caccuri e gli affittuari De Marco, dovuta alla proprietà del fondo EIDO, si avvia ad una definitiva conclusione. Dopo circa dieci anni di attesa, arriva la sentenza del Commissario degli Usi Civici della Calabria che ordina la reintegra nel possesso del fondo stesso in favore del comune di Caccuri.. Gli eredi De Marco che hanno il fondo in affitto ad uso pascolo sin dalla fine dell’ottocento, contestano la sentenza e presentano un atto di appello presso la Corte di Appello di Roma. Il Comune di Caccuri, di conseguenza, dà incarico all’avv. Pitaro Giuseppe per tutelare i propri interessi. Una vicenda che si arricchisce di ulteriori atti cartacei che probabilmente serviranno esclusivamente ad allungare i tempi e per non rendere esecutiva la sentenza del Commissario degli Usi Civici della Calabria del 12 giugno 2009 che accerta e dichiara il fondo Eido gravato di usi civici quale demanio collettivo.  Non sono d’accordo su questa conclusione gli eredi De Marco che sostengono il contrario, cioè che il podere Eido non è gravato da usi civici. E non solo. Affermano anche di aver fatto migliorie alla coltivazione del terreno. Una contesa, insomma, che si accende ulteriormente. Una contesa che è seguita con particolare interesse dai cittadini di Caccuri che aspettano l’esito definitivo di questa vicenda per poi, a seconda del giudizio, prendere appropriate iniziative. Sembrerebbe che già un gruppo di cittadini era sul punto di costituire un comitato. In effetti la posta in palio è altissima. Il fondo Eido è una superficie di 151.98.90 ettari suddivisi in tre particelle con le seguenti classificazioni bosco ceduo, di circa 121 ettari, fabbricato rurale, di circa 00,15 ettari, pascolo arborato, di circa 30 ettari. Per il Comune di Caccuri sarebbe una gallina dalle uova d’oro. Solo il ricavato della vendita del legname sarebbe sufficiente a riempire le casse comunali. In passato l’Amministrazione comunale ha cercato di trovare con gli affittuari un accordo per risolvere la controversia cercando di salvaguardare gli interessi di tutti. Non è stato possibile. E quindi l’Amministrazione comunale ha continuato la vertenza legale che adesso si avvia ad una favorevole conclusione a beneficio di tutto la collettività caccurese. Le castagne, una volta si poteva raccogliere anche altra frutta,  potranno essere colte  senza chiedere il permesso a nessuno.

Vicenda Eido

L’annosa controversia tra il Comune di Caccuri e gli affittuari De Marco, dovuta alla proprietà del fondo EIDO, si avvia ad una definitiva conclusione. Dopo circa dieci anni di attesa, arriva la sentenza del Commissario degli Usi Civici della Calabria che ordina la reintegra nel possesso del fondo stesso in favore del comune di Caccuri.




HO DATO UN' OCCHIATA AL VOSTRO SITO, ED ANCORA NN HO TROVATO LA MIA E- MAIL PUBBLICATA.... MI CHIEDO COME MAI! GRADIREI UNA RISPOSTA GRAZIE. DISTINTI SALUTI LUCENTE MATILDE

 

Non ho pubblicato la sua E-mail perché ho aderito ad una offerta Wind e per un certo periodo non ho potuto utilizzare Internet 

Francesco Loria

                                        RISPOSTA AD UN ANONIMO


Ho letto ieri sera questa e-mail, istintivamente avrei avuto la mia risposta ma, ho annichilito il mio IO x far prevalere la cosa più importante! Stamani il Santo Spirito di Dio ha parlato!

"questa è la mia risposta" :

 .... " Quanto a me, io volgerò lo sguardo verso il Signore,spererò nel DIO della Salvezza; il Mio Dio mi Ascolterà.

Non ti rallegrare per me, o mia nemica!

 Se sono caduta, mi rialzerò;se sto seduta nelle tenebre, il Signore è la mia Luce.Io sopporterò lo sdegno del Signore, perchè ho peccato contro di lui, finché egli difenda la mia causa e mi faccia giustizia; egli mi condurrà fuori alla luce e io contemplerò la sua giustizia.

Allora la mia nemica lo vedrà e sarà coperta di vergogna; lei che mi diceva  I miei occhi lo vedranno, quando sarà calpestata come fango delle strade.  ....... Quale Dio è come te, che perdoni l'iniquità e passi sopra alla colpa del resto della tua eredità? Egli non serba la sua ira per sempre,perchè si compiace di usare misericordia. Egli tornerà ad avere pietà di noi, metterà sotto i suoi piedi le nostre colpe e getterà in fondo al mare tutti i nostri peccati. Michea 07: 07-19

 Potrei aggiungere tante altre parole ma davanti alla Parola di Dio nulla può contemplare! Dico solo; Non si giustifica il peccato ma non si condanna il peccatore, nn lo fa Dio ki siamo noi più di lui?!   .... Chi e senza Peccato scagli la prima pietra....   

  Che Dio ci aiuti a riflettere e a stare sempre più uniti davanti a certe situazioni.

 La Gloria  e la Giustizia a Dio solo a Dio!

  Matilde Lucente

 


Riceviamo da Nicola Di Gioia

Avviso a tutti i cittadini, legambiente sila sta organizzando i pulman

per partecipare alla manifestazione del ventiquattro ottobre ad

amantea per protestare contro le navi dei veleni, e dei rifiuti

radioattivi rinvenuti nei fiumi.Tutti coloro i quali vogliono

partecipare devono comunicare l'adesione. Per comunicazioni cell 328

8376980, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Per ulteriori informazioni si può visitare il sito

www.legambientesila.it completamente rinnovato.


UFFICIO POSTALE: Chiuso per guasto tecnico

E’ da diversi giorni che l’Ufficio postale di Caccuri non funziona. E nonostante l’interessamento e l’intervento immediato del sindaco di Caccuri, Marianna Caligiuri, ancora non è stato riparato il guasto tecnico che ha causato tanto disagio. Al primo cittadino di Caccuri, tramite un fax, il responsabile operazioni filiale di Crotone, dott. Aldo Barbuto, scrive “ Gentilissimo signor sindaco le partecipo che causa il perdurare del guasto tecnico presso l’Ufficio postale, le pensioni di questo comune saranno pagate presso l’ufficio di Cerenzia a partire da domani 08/10/2009. Si assicura ogni utile intervento per l’immediata riattivazione dei servizi. Nel ringraziarla per l’attenzione, Le porgo distinti saluti.” Per fortuna che l’impiegata dell’Ufficio postale di Cerenzia esegue ogni operazione velocemente e bene riducendo così l’attesa dei pensionati. Un guasto tecnico paralizza l’Ufficio postale di Caccuri. Un guasto tecnico che non riescono a riparare. Solitamente sapevamo che il disservizio avveniva per carenza di personale. Nessuno poteva immaginare che un guasto tecnico potesse lasciare un paese senza un importante e necessario servizio per così tanto tempo. Una macchina che non funziona si sostituisce se non si riesce ad aggiustare in brevissimo tempo. “Si assicura ogni utile intervento per l’immediata riattivazione dei servizi” questa non è una giustificazione accettabile soprattutto se questa “ immediata attivazione” non avviene neanche dopo dieci giorni. Ci vorrebbe un’altra attenzione per chi i servizi li paga. Purtroppo viviamo in un mondo in cui si chiede molto e si dà poco.

Chi

Abbiamo 10 visitatori e nessun utente online

Visite

Visite agli articoli
474315

Località

Piatti tipici

Tradizioni

Copyright © 2018 santarania. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information