Un’opera che inizialmente aveva fatto letteralmente impazzire di gioia i ragazzi di S. Rania. In tutte le loro discussioni l’argomento predominante era il campo polivalente. Aspettavano con ansia il giorno della prima partita. Seguivano i lavori come se ognuno di loro fosse il direttore dei lavori. Un attaccamento, quasi maniaco; se qualcuno, esprimeva, anche per scherzo, un giudizio negativo sul campo si rischiava di venire alle mani. Ora l’impianto sportivo è finito da un bel po’ di tempo. C’è il campo sportivo polivalente, un fabbricato con funzione di spogliatoio, di locale di primo soccorso e di deposito per attrezzi, ma non è stato ancora inaugurato. Sembra che manchi l’allaccio della energia elettrica e dell’acqua. Ma anche la strada che porta all’impianto sportivo richiede alcuni interventi. Oltre a dover eliminare le tante buche presenti sul manto stradale, c’è da considerare seriamente che il margine a valle della stradina finisce con un burrone che potrebbe essere un pericolo per chi la percorre. E naturalmente andrebbe sistemato l’ex campo di palla a volo non tanto per poterlo riutilizzare ma soprattutto per abbellire l’area che circonda l’impianto sportivo. Intanto apprendiamo che lo scorso 23 settembre il Gruppo di Minoranza “ Patto per Caccuri” ha presentato al Sindaco una interrogazione scritta per conoscere i motivi tecnici che ne hanno ritardato la messa in funzione. E dalla risposta del sindaco si evince che a breve dovrebbe avere luogo la tanta attesa inaugurazione perché è stati trovati i 40 mila euro necessari per provvedere all’allaccio delle varie utenze e alle opere di recinzione. Solo allora quelle generose famiglie Loria vedranno del tutto raggiunto lo scopo per cui negli anni ’70 hanno donato all’Amministrazione comunale quella superficie di terreno, donazione che sembra a tutto oggi non sia stata regolarizzata.

Se ti è piaciuto questo articolo condividi
error1
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.