LA TIMPA DEI SANTI

A dare il nome a questa parte del versante collinare caccurese del fiume Neto è stata una grotta con numerose icone di Santi scolpite sulle parete interne della stessa grotta. L’antico luogo monastico è situato su un colle a picco da tre lati sulla valle del Neto.
Non si sa quando sia stata scavata, di certo si sa, invece, che è stata abitata per diverso tempo da monaci Basiliani che probabilmente sono stati anche gli autori delle cinque icone: il Cristo Pantocrator, l’immagine dell’Arcangelo Gabriele, della Madonna Odighiatria, la testa del Bambin Gesù. Questi monaci greci vennero in Italia nel VII secolo perseguitati in Siria, Palestina ed Egitto dai musulmani che avevano cominciato ad occupare le terre asiatiche dell’impero bizantino. La loro presenza aumentò nell’ VIII secolo quando furono perseguitati anche dalle persecuzioni iconoclaste. Essi pensavano che le sacre icone potessero generare la trasposizione del pensiero umano dal terreno al divino. Il clero bizantino riteneva questa teoria come comportamento blasfemo. I Basileus di Costantinopoli non tolleravano l’ingerenza del monachesimo nella vita socio-politica del popolo così decretarono la distruzione di tutte le icone. I monaci non accettarono queste imposizioni e perciò preferirono l’esilio. Fu proprio in questo periodo che questi monaci raggiunsero il versante collinare del Neto dove condussero una vita da anacoreti abitando queste antichissime grotte. Oggi raggiungere la grotta è un po’ difficoltoso perchè non c’è stata da parte degli Amministratori caccuresi la dovuta attenzione per salvaguardare questa località storica di particolare interesse culturale.
Oltre a consentire a chiunque di introdursi nella grotta che, per cercare tesori, hanno cancellato, a colpi di picozza, parte dei dipinti, è stato permesso anche a privati cittadini di modificare la parte antistante la porta rendendo l’accesso alla grotta un’impresa solo per pochi.
Ora è stata inserita tra le opere aristiche – storiche – monumentali da restaurare. Resta comunque una località da visitare.

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividi
error1
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.